Latest

Più di 100 aziende italiane e multinazionali hanno firmato il Manifesto per l’Occupazione femminile  - presentato a Roma il 12 settembre scorso e proposto da Valore D.   Il documento programmatico in 9 punti individua...
Il Gruppo ECI – di cui Eurosearch è il Partner italiano – ha tenuto il consueto incontro annuale la settimana scorsa, radunando i Partner da tutto il mondo. Come sempre, è stata l’occasione perfetta per riallacciare...

Leadership e Tecnologia

Le aziende, l’innovazione e i leader di domani
 
In un contesto di mercato in cui l'innovazione tecnologica è così veloce, strategica e determinante, ci siamo chiesti se gli attuali responsabili dei dipartimenti tecnici e di ricerca e sviluppo saranno in azienda i leader di domani.
Quali le caratteristiche e le competenze che costoro devono oggi esprimere? 
Quali le opportunità effettive di accesso a posizioni apicali, e quale dal punto di vista dell’azienda il principale e precipuo valore aggiunto in termini di leadership offerto da tali figure?
 
Eurosearch ha condotto un’indagine incontrando ed intervistando CEO, CTO, Direttori Tecnici/R&D e Direttori HR di 100 aziende italiane o multinazionali presenti comunque in Italia, differenti e rappresentative per dimensioni e settore di appartenenza. 
 
I risultati dell’indagine (scaricabili in questa pagina ) sono stati discussi il 30 novembre in una tavola rotonda organzzata nella sede Eurosearch di Roma: graditi ospiti Matteo Marini (Presidente di ABB Italia), Andrea Biraghi (Managing Director della Divisione Sicurezza e Sistemi per le Informazioni di Leonardo) e Mario Calabresi (Direttore de La Repubblica).
 

Alla luce dei risultati dell’indagine condotta, il dibattito si è concentrato sul valore aggiunto della competenza tecnologica per i manager che governano l’azienda, e sulla vision che tali figure devono possedere come capacità innata o piuttosto competenza da costruire. Dal confronto è emerso in ogni caso l’invito allo sviluppo e alla contaminazione della conoscenza tecnologica a tutti i livelli e in tutti i settori aziendali, in luogo del confinamento in ruoli e dipartimenti dedicati all’innovazione.